giovedì 12 maggio 2016

Intervista doppia agli autori Alfonso Zarbo e Elena Cabiati

Buongiorno booklovers,
per il post di oggi, grazie alla Watson Edizioni, ho avuto la possibilità di intervistare due giovani scrittori che pubblicheranno a breve il loro prossimo romanzo.


Alfonso Zarbo con il suo Schegge ci porterà in una Roma sventrata dall'Apocalisse, dove un peccatore falcia tutto quello che incontra per addentrarsi nell'incubo, nella Spagna delle Crociate, dove il Diavolo scatena la furia di un cavaliere ossessionato dalla fede, ed ancora tra dune e templi in rovina, dove un console e un barbaro indagano su una regina rapita, mentre ai confini di una terra morente un ultimo plotone di elfi lotta per sopravvivere. Schegge è una raccolta di avventure per gli amanti del Fantasy, da vivere con un cacciatore di draghi, su navi spettrali o sulle spiagge insanguinate del Nuovo Mondo, attraverso lo sguardo di un soldato spagnolo che non ha nulla da perdere tranne la sua identità. Nove affilatissime schegge conficcate nella storia e nell'immaginario.

Elena Cabiati, invece, pubblicherà il secondo capitolo della saga La viaggiatrice di O, Nel labirinto. All'interno di Torino, nascosta tra i palazzi, i negozi e le strade trafficate, troviamo la città dei maghi e delle streghe viaggianti di O. Gala, la protagonista, vive qui: è una giovane strega pigra ed egocentrica, ma dotata di un grande potere. Viaggia nel tempo per difendere dai negromanti le opere d’arte che custodiscono i segreti magici e la conoscenza. La missione che le viene affidata è estremamente pericolosa: salvare la grande cattedrale di Notre Dame di Chartres dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Da qui il viaggio li porterà molto oltre i confini del tempo e dello spazio: nella terra delle fate, dove tutto è ambiguo e non è facile distinguere il bene dal male, né scegliere da che parte stare.

Eccovi la mia intervista:

Raccontaci come è nata la tua passione per la scrittura.
Alfonso: Ciao a tutti! Il primo ricordo che ho e che mi ha portato a scrivere è un bambino ipnotizzato davanti alla televisione mentre trasmettono Dragonearth, al quale ovviamente vanno ad aggiungersi tutti i migliori cartoni animati degli anni '90. Di certo non avevo fatto ancora collegamenti con il fantastico o con la scrittura, ma è incredibile il modo in cui mi trasportavano altrove. Con il senno di poi, era proprio quello che cercavo.

Elena: Ciao a tutti! Dunque, il desiderio di scrivere nasce dal piacere che fin da bambina ho sempre provato nel fantasticare, nell’inventare avventure di cui facevo finta di essere la protagonista. Era il mio modo di giocare, di viaggiare in mondi meravigliosi. Per addormentarmi la sera mi raccontavo storie (e la verità è che continuo a farlo...). Poi ho cominciato ad amare la lettura e così ho provato a trasformare in parole i miei sogni ad occhi aperti

Da cosa trai ispirazione quando scrivi? Quali sono i tuoi modelli letterali di riferimento?
Alfonso: Molto banalmente, tutto quello che riesce a trasmettermi un'emozione forte. I libri, le serie TV, i videogiochi, sì, ma solo quando scovo quel particolare che mi colpisce dritto allo stomaco. Oppure che mi entra in testa e non se ne va più: un personaggio vissuto realmente, un nome misterioso, un dialogo brillante, una scena travolgente, qualcosa in cui sento di rispecchiarmi. Penso: "Fantastico! Come posso metterci del mio? E se poi lo incastro con questo e con quest'altro? Proviamo!". 

Elena: Tutto ciò che fa parte della mia vita e della mia esperienza viene rielaborato e si trasforma in qualche elemento delle mie storie o dei miei personaggi: le caratteristiche più assurde delle persone che incontro, le particolarità dei miei amici, dei miei genitori, dei miei allievi… la realtà umana spesso è davvero più sorprendente dell’immaginazione! Poi ci sono le cose che ho studiato, le mie passioni: l’arte, l’esoterismo, la simbolica, l’alchimia, la psicologia, il mondo delle fiabe. E naturalmente i posti che mi hanno colpita: Torino, la città dove vivo, con le sue atmosfere misteriose; Venezia con la sua bellezza; Chartres e la grande cattedrale con tutto il suo sapere; e anche Tir nan Og, la terra delle fate, dove passo gran parte del mio tempo libero…
Per quanto riguarda i modelli letterari sono i classici della narrativa fantastica: Michael Ende, Marion Zimmer Bradley, Tolkien, Philip Pullman, Neil Gaiman.

Quali sono le tue letture preferite? Leggi solamente il fantasy o ti attraggono anche altri generi?
Alfonso: Tanti e di tanti generi: il fantasy di George R.R. Martin, per esempio, che ho la fortuna di seguire per la casa editrice Mondadori; e poi i romanzi storici di Arthuro Perez Reverte con il suo capitano Alatriste, i gialli di Arthur Conan Doyle, le tenebre esplorate da un gigante del calibro di Stephen King ma anche dall'italiano Sergio "Alan D." Altieri: maestro (anche se non gli piace essere chiamato così) e amico.

Elena: Sono onnivora, oltre al fantasy leggo un po’ di tutto, dai grandi scrittori dell’800 ai contemporanei, dalla poesia ai maestri della fantascienza. Mi piace molto leggere saggi di arte, di psicanalisi e di magia (in tutte le sue forme). I saggi sono un grande tesoro da cui attingere idee! E poi adoro i film e i cartoni animati, che non sono altro che modi diversi per raccontare storie, e spesso hanno tantissimo da insegnare sia dal punto di vista tecnico e stilistico, sia come originalità.

Passiamo quindi al tuo ultimo romanzo prossimamente in uscita per Watson Edizioni. Raccontaci un po' di cosa si tratta.
AlfonsoSchegge è un azzardo. Non è un romanzo: si tratta di nove storie fantasy e d'avventura per chiunque voglia viaggiare e molto. Per chi magari non ha il tempo di immergersi nelle saghe e per chi non sa ancora bene cosa va cercando. Ho pensato che nove racconti brevi fossero la soluzione più adatta per esplorare le tante sfumature del fantasy; più stili, più epoche. C'è un mondo simile a quello del Tardo Impero Romano; c'è il Midgard delle leggende. E ancora: un Medioevo sotto l'Apocalisse, la Spagna delle Crociate, il siglo de oro spagnolo... Si può fare zapping!      

Elena: Il romanzo che uscirà a breve è la seconda avventura di Gala, una giovane strega torinese che viaggia nel tempo per salvare le opere d’arte, e la magia che esse racchiudono, dai negromanti che vorrebbero distruggerle. Con lei viaggiano Kundo, un vecchio monaco-mago che le fa da maestro, e Aron, un ragazzo al quale lei è legata da un misterioso destino. In questo romanzo dovranno salvare la grande cattedrale di Chartres di bombardamenti che potrebbe distruggerla durante la seconda Guerra Mondiale. Naturalmente avvengono una serie di imprevisti: Aron viene catturato dai nazisti, Gala viene rapita dalla Masnada di Hellequin, l’esercito spettrale dei demoni e dei dannati, ed i due ragazzi vengono trascinati nella terra di Tir nan Og. Qui il Signore delle fate si prende una cotta per la strega e Aron si lascia incantare da una bellissima fata. Nel frattempo una spietata sicaria, inviata dai negromanti, stermina l’intero regno delle fate, decisa ad affrontare Gala e sconfiggerla.
Insomma, c’è da divertirsi, almeno io mi sono divertita molto a scriverlo, e, se devo essere sincera, mi piace più del precedente!

Ed infine, hai altri progetti per il futuro?
Alfonso: Vediamo come vanno le storie di Schegge: mi piacerebbe sviluppare le più interessanti secondo voi lettori (fatevi sentire!). E poi sono in attesa di pubblicare un romanzo ispirato soprattutto dai videogiochi di Prince of Persia e Assassin's Creed. Magari ne riparleremo proprio qui, nel 2017.

Elena: I progetti sono sempre tanti, anzi troppi! Ho una cartella sul computer intitolata “Incipit” che raccoglie tutti gli inizi che ho scritto, le idee che hanno attraversato la mente e poi si sono fermate. L’auspicio è quello di trovare la concentrazione giusta per portare a termine la terza e ultima avventura di Gala e poi inseguire almeno una di queste storie che di notte vengono a salutarmi e vorrebbero farsi acciuffare. Poi, se proprio potessi esprimere qualche desiderio, vorrei tornare a vivere al mare, con almeno due cani e una gatta, avere sempre il tempo per stare con le persone a cui voglio bene, per ridere con gli amici e per starmene sdraiata al sole senza pensare a niente…


DATI TECNICI

Titolo: Schegge
Autore: Alfonso Zarbo
Casa Editrice: Watson Edizioni
Pagine: 254
Data di pubblicazione: 20 maggio 2016
Prezzo: 10,00 €

Titolo: La viaggiatrice di O - II - Nel labirinto
Autore: Elena Cabiati
Casa Editrice: Watson Edizioni
Pagine: 353
Data di pubblicazione: tra il 21 e il 25 maggio 2016
Prezzo: 10,00 €




Ti potrebbero interessare:


Nessun commento:

Posta un commento

Mi fa sempre piacere sapere che siete passati di qui, con un piccolo commento o un semplice saluto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...